Ci è stato detto che dobbiamo preoccuparci di più dell'oceano, ma perché?

L'oceano è un posto fantastico. Copre oltre il 70% della superficie del mondo e tiene intorno 96.5% del mondo acqua. Ci sono fiumi, laghi e montagne sotto la superficie, copre più di due terzi del mondo, ne abbiamo esplorato solo il 5% e un incredibile 94% della vita della Terra è acquatica.


Negli ultimi anni l'ambiente è diventato giustamente un argomento importante nel settore della nautica da diporto e “sostenibilità” è diventata la parola d'ordine. Comprensibilmente la salute degli oceani è diventata l'obiettivo principale e molte aziende marittime hanno iniziato a offrire soluzioni più rispettose dell'ambiente mentre i media nautici hanno iniziato a dirci che dobbiamo preoccuparci di più dell'oceano. Ma questo ci ha fatto pensare; Perché stiamo facendo questo? Ci viene detto tutto il tempo che dobbiamo preoccuparci della salute dell'oceano, ma non ci fermiamo sempre a pensare al perché. Abbiamo pensato di dare una breve occhiata al perché per ricordare a noi stessi in quei giorni difficili perché dobbiamo prenderci cura di noi stessi.

Pratiche di pesca insostenibili possono danneggiare i fondali marini.

Mentre il mondo si concentra sul tentativo di concordare un modo per ridurre il riscaldamento globale riducendo la quantità di CO2 nell'atmosfera, vale la pena notare che le piante oceaniche sono ottime nell'assorbire CO2 dall'aria e assorbono circa il 31% per cento di cosa? gli esseri umani creano quando bruciamo combustibili fossili. Infatti il ​​fondale del Mare del Nord immagazzina 100 milioni di tonnellate di carbonio da solo con uno strato di 10 cm contiene l'equivalente di 20% del carbonio immagazzinato nelle foreste della Gran Bretagna secondo un articolo in The Times. Un altro articolo in Il guardiano riporta uno studio pubblicato su Natura trovato che la pesca a strascico da parte dei pescherecci rilascia tanto carbonio quanto il trasporto aereo. Solo il 7% degli oceani del mondo è sotto qualsiasi tipo di protezione per controllarlo.


Inoltre, tra il 70 e l'80% dell'ossigeno mondiale proviene da piante marine, per lo più alghe marine. Anche se si sente molto parlare di proteggere le foreste e le foreste pluviali del mondo, tutto questo sarà inutile se permettiamo il deterioramento dell'oceano. è così fondamentale che proteggiamo anche la vita delle piante oceaniche. Proteggere l'oceano è altrettanto importante, se non di più, per la sopravvivenza stessa della specie umana quanto proteggere gli alberi sulla terraferma.


L'oceano ha già contribuito a rallentare il ritmo del riscaldamento globale riducendo l'accumulo di CO2 atmosferica. Tuttavia, questo ha un costo da solo, in particolare sotto forma di acidificazione degli oceani che sta avendo effetti negativi sulla vita marina. Uno studio in Nature Climate Change trovato che acidificazione dell'oceano è anche probabile che causi la morte di molte specie di fitoplancton, che sono anche in parte responsabili dell'assorbimento del carbonio nell'atmosfera.


Diversi studi hanno anche scoperto che la vernice e la vernice antivegetativa influenzano la vita marina quando vengono lisciviate dagli scafi delle barche nell'acqua o quando vengono demolite o lavate via nei porti turistici. Uno di questi studi pubblicato su Environmental Pollution che coinvolge scienziati del Plymouth Marine Laboratory, dell'Università di Plymouth e della PML Applications Ltd., ha osservato riduzioni del peso e del tasso di alimentazione nei lombrichi quando esposti al moderno trattamento biocida e un tasso di mortalità del 100% nei cardi quando esposti al moderno trattamento biocida. 


Lo studio ha anche scoperto che le particelle di vernice non biocide a base di silicone, sebbene generalmente meno tossiche, producevano comunque risposte subletali come la perdita di peso nei cuori di mare. Ha concluso che un tale impatto potrebbe avere gravi implicazioni per gli ecosistemi su una scala temporale naturale. 


Inoltre, la plastica rilasciata nell'oceano sta influenzando la vita marina, non solo nei mammiferi più grandi come le balene spiaggiate che hanno spazzolini da denti, sacchetti di plastica e altro nello stomaco, ma in modo più insidioso sotto forma di plastica scomposta in microplastiche. Le microplastiche entrano nella catena alimentare quando vengono mangiate da pesci più piccoli, che vengono poi mangiati da pesci più grandi che vengono poi mangiati dall'uomo. Quando il pesce raggiunge i nostri piatti, il numero di microplastiche nella catena alimentare si è concentrato in numero maggiore. Queste microplastiche non danneggiano solo i pesci, ma anche gli esseri umani.


Per quanto delicati siano gli ecosistemi, qualsiasi cambiamento nel tempo potrebbe avere un impatto sulla capacità degli oceani di assorbire l'anidride carbonica nell'atmosfera e/o di produrre ossigeno. Dobbiamo prenderci cura dell'oceano in modo che possa continuare a prendersi cura di noi, non solo come fonte di cibo, ma letteralmente per aiutarci a respirare e per aiutare a ridurre il riscaldamento globale. Per noi questo è un grande incentivo a continuare a fare quello che stiamo facendo ea continuare a prenderci cura dell'oceano.  

 

Puoi leggere il nostro articolo su Il coronavirus ha evidenziato perché dovremmo preoccuparci di più dei nostri oceani.