Come leggere una scheda di sicurezza - Demistificare le schede di sicurezza per trovare i prodotti Green Yachting

 

Man mano che l'industria nautica è diventata sempre più consapevole della necessità di un cambiamento nel modo in cui affronta la necessità di una migliore cura dell'ambiente, sempre più aziende hanno iniziato a compiere passi concreti e simbolici nella direzione della sostenibilità. Alcuni lo stanno facendo perché credono sinceramente che sia la cosa giusta da fare e altri stanno solo cercando di incassare credibilità ecologica. Indipendentemente dal fatto che il lavaggio verde intenzionale o non intenzionale sia diventato parte integrante del settore. Che cos'è effettivamente la sostenibilità? Cosa significa? E come facciamo a sapere se il prodotto che stiamo utilizzando è effettivamente migliore per l'ambiente rispetto ad altri sul mercato? Sapere quali prodotti sostenibili per la pulizia delle barche sono veramente sostenibili può creare confusione. 

In un ottimo articolo di Sara Ventiera, "Sfumature di verde", nell'ultima edizione di Passerella, Sara discute con i prodotti per il lavaggio del verde e la pulizia Sostenibilità nautica da diporto fondatrice Gemma Harris. Discutono di come frasi alla moda come "naturale", "tutto naturale" e "a base vegetale" possono essere fuorvianti e hanno reso confusa la lettura delle etichette dei prodotti per la pulizia. Anche alcuni ingredienti di derivazione naturale possono essere tossici in alcune forme per la vita marina. 

Proseguono discutendo di come le certificazioni ecologiche possano essere fuorvianti citando anche l'esempio della certificazione Safer Choice dell'EPA (Environmental Protection Agency) americana. La certificazione è stata assegnata a prodotti che contengono effettivamente ingredienti noti per essere dannosi per la vita marina. È per questo motivo che come azienda in passato abbiamo preso la decisione di stare lontani dalle certificazioni ecologiche.

L'imballaggio può offrire suggerimenti sul fatto che un prodotto contenga ingredienti nocivi. Ad esempio, qualsiasi prodotto che dice "attenzione", "avvertimento", "pericolo" o più ovviamente "veleno" e "dannoso per la vita acquatica" sono chiari segnali di avvertimento. Tuttavia, queste etichette e simboli di avvertenza possono essere ampi con alcune delle stesse etichette di avvertenza che coprono entrambi i prodotti che sono molto delicati e quelli estremamente dannosi. A volte c'è davvero poco sulla confezione. 

Indizi più approfonditi su quanto sia sostenibile un prodotto per la pulizia delle barche si trovano spesso nelle schede di sicurezza del prodotto in cui la tossicità del prodotto deve essere etichettata. Quindi sapere quali sono i segnali di pericolo, letteralmente, nelle schede di sicurezza è parte della chiave per capire quanto sia sostenibile il prodotto. Ma che cos'è una scheda di dati di sicurezza e come la si legge e si interpreta? Lo esploriamo un po' più avanti.   

Una scheda di dati di sicurezza—o SDS o MSDS (Marine Safety Data Sheet) è un documento preparato dai produttori di sostanze chimiche per qualsiasi prodotto chimico. Una scheda di dati di sicurezza includerà informazioni su ciascuna sostanza chimica, coprendo i rischi fisici e ambientali, le precauzioni per la manipolazione, lo stoccaggio e il trasporto sicuri della sostanza chimica e altro ancora.

Una sostanza chimica è qualsiasi sostanza che ha una composizione definita. In altre parole, una sostanza chimica è sempre composta da una ricetta coerente o dagli stessi elementi ogni volta. Le sostanze chimiche possono essere naturali e si trovano naturalmente in natura e alcune sono prodotte, ad esempio il cloro (usato per sbiancare i tessuti o nelle piscine).

Una scheda di dati di sicurezza conterrà 16 sezioni che analizzeranno tutto, da quale sia la sostanza chimica e quale sia l'uso previsto, alle normative di sicurezza, salute e ambiente specifiche del prodotto.  

Le Le Nazioni Unite hanno creato il Globally Harmonized System o gli standard GHS per i formati SDS e Attualmente è nella revisione 7. Tuttavia, dipende da ciascun paese quale revisione desidera utilizzare e quindi non esiste un vero formato unico per la SDS nei diversi paesi e ogni paese può avere una legislazione aggiuntiva o inferiore relativa alla sostanza chimica. Ciò può comportare differenze nelle informazioni fornite nei diversi prodotti della SDS. 

In generale, tuttavia, la maggior parte delle SDS seguirà una qualche forma di standard GHS. Noi abbiamo suddivise il formato della SDS GHS di seguito e ciò che ciascuna delle sezioni della SDS contiene.

 

  • Sezione 1 -  identifica la sostanza chimica sul SDS così come la sua destinazione d'uso. Fornisce inoltre le informazioni di contatto essenziali del fornitore.
  • Sezione 2 - delinea i rischi della sostanza chimica con informazioni di avvertenza appropriate.
  • Sezione 3 - identifica l'ingrediente(i) del prodotto chimico identificato sulla SDS, comprese le impurità e gli additivi stabilizzanti.
  • Sezione 4 - descrive il protocollo di trattamento iniziale per i soccorritori non addestrati a incidenti di esposizione chimica.
  • Sezione 5 - fornisce raccomandazioni per combattere un incendio causato dalla sostanza chimica, se applicabile 
  • Sezione 6 - dettaglia la risposta appropriata a fuoriuscite, perdite o rilasci di sostanze chimiche, compreso il contenimento e la pulizia per prevenire o ridurre al minimo l'esposizione a persone, proprietà o ambiente.
  • Sezione 7 - fornisce una guida sulle pratiche di manipolazione sicura e sulle condizioni per lo stoccaggio sicuro delle sostanze chimiche.
  • Sezione 8 - elenca i limiti di esposizione chimica, i controlli tecnici e le misure di protezione individuale che possono essere utilizzate per ridurre al minimo l'esposizione dei lavoratori. Ad esempio, se devono essere usati guanti e occhiali protettivi durante la manipolazione della sostanza chimica.
  • Sezione 9 - identifica le proprietà fisiche e chimiche associate al prodotto.
  • Sezione 10 - descrive i rischi di reattività delle informazioni sulla stabilità chimica e chimica. Questa sezione è suddivisa in tre parti: reattività, stabilità chimica e altro.
  • Sezione 11 - identifica le informazioni sugli effetti tossicologici e sulla salute, se applicabili
  • Sezione 12 - spiega l'impatto ambientale di una o più sostanze chimiche se rilasciate nell'ambiente.
  • Sezione 13 - copre il corretto smaltimento, riciclaggio o recupero delle sostanze chimiche o del relativo contenitore e pratiche di manipolazione sicure.
  • Sezione 14 - spiega le informazioni sulla classificazione per la spedizione e il trasporto di sostanze chimiche pericolose su strada, aria, ferrovia o mare.
  • Sezione 15 - identifica le normative di sicurezza, salute e ambiente specifiche del prodotto.
  • Sezione 16 - indica quando l'SDS è stata originariamente preparata o l'ultima data di revisione nota. Questa sezione della SDS può anche indicare dove sono state apportate modifiche alla versione precedente.

 

A causa delle diverse quantità di informazioni che devono essere fornite nei diversi territori e delle aziende che scelgono di fornire più informazioni di altre o che alcune sostanze chimiche o sostanze sono più complesse di altre, le schede di dati di sicurezza possono essere di 15 pagine o più. SDS più lunghe possono avere più campi descrittivi con dettagli aggiuntivi, fornendo diversi livelli di informazioni in ciascuna sezione.

Ora che abbiamo una comprensione approssimativa di come è strutturata una SDS, possiamo guardare a cosa cercare all'interno di una SDS. All'interno di una SDS i pericoli sono codificati utilizzando un codice alfanumerico univoco composto da una lettera e tre numeri. La lettera "H" sta per "indicazione di pericolo" e la lettera "P" per "dichiarazione di prudenza". Questo è poi seguito da tre numeri. La prima cifra indica il tipo di pericolo, ad esempio il numero ”2” sta per pericoli fisici. I due numeri seguenti corrispondono alla numerazione sequenziale di pericoli quali esplosività (codici da 200 a 210), infiammabilità (codici da 220 a 230), ecc.

Ci sono alcune indicazioni di pericolo effettuate dal Direttiva sulle sostanze pericolose [DSD] per le sostanze chimiche e Direttiva sui preparati pericolosi [DPD] per i "preparati" o "miscele" di sostanze chimiche. Questi non sono inclusi nel GHS ma sono codificati come “EUH”.

In relazione all'ambiente e alla vita marina, i codici delle indicazioni di pericolo a cui dobbiamo prestare attenzione sono quelli che iniziano con H4. Abbiamo esposto quelli chiave di seguito. 

 

 

Codici di pericolo a cui prestare attenzione negli ambienti marini

H400 – Molto tossico per la vita acquatica.

 H401 - Tossico per la vita acquatica

H410 – Molto tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata.

H411 – Tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata.

H412 – Nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata.

H413 – Può provocare effetti nocivi di lunga durata per gli organismi acquatici.

H420 – Danneggia la salute pubblica e l'ambiente distruggendo l'ozono nell'alta atmosfera.

 

Ove possibile, devono essere evitati i prodotti le cui schede di dati di sicurezza contengono le indicazioni di pericolo di cui sopra, in particolare quelli con H400, H410 e H411. Abbiamo trovato sul mercato numerosi prodotti per la pulizia marina e lavaggi per yacht che contengono ingredienti elencati con i codici di pericolo H400 H401 e H411 nella loro SDS, compresi quelli il cui imballaggio suggerisce che sono migliori per l'ambiente. Questo è il motivo per cui vale sempre la pena controllare l'SDS. 

Le SDS a prima vista possono sembrare confuse e intimidatorie, ma speriamo di aver scomposto come leggerle e offerto alcuni suggerimenti su cosa cercare in esse. Puoi vedere un elenco di ingredienti a cui prestare attenzione nella nostra pagina degli ingredienti qui. Questi sono ingredienti che ci siamo impegnati a non utilizzare mai nei nostri prodotti. 

I prodotti con indicazioni di pericolo che iniziano con "H4" dovrebbero essere evitati, in particolare quelli con H400, H410 e H411. È possibile visualizzare un elenco completo di pericoli e consigli di prudenza qui. L'uso di prodotti con queste indicazioni di pericolo in ambienti marini dovrebbe essere evitato, soprattutto quando è probabile che il prodotto venga lavato nell'oceano, come nel caso dei prodotti per la pulizia marina. Questo è lo stesso se i prodotti sono per l'uso sul ponte o negli interni come detersivo per bucato, detersivo per piatti o detergente per il bagno. Questi verranno scaricati nei serbatoi delle acque grigie e le acque grigie finiranno spesso nell'oceano.

Si spera che questo abbia aiutato a deselezionare SDS per te e reso un po' più facile individuare i prodotti che sono davvero migliori per l'ambiente. Le SDS legalmente devono essere rese immediatamente disponibili su richiesta, abbiamo sempre pubblicato le nostre online e la maggior parte delle altre società ora lo fa anche. Pertanto ora è davvero facile controllare rapidamente la SDS di un prodotto e vedere se un prodotto è sostenibile.

 

fonti 

Come leggere una scheda di dati di sicurezza (SDS)

Elenco delle indicazioni di pericolo 

Come e perché le schede di sicurezza differiscono tra i paesi